Si è verificato un errore nel gadget

martedì 19 aprile 2011

Torna ad Ascoli Piceno la manifestazione “Fritto Misto"


2011 Guide Turistiche Marche    info@guideturistichemarche.it    
Guide Turistiche Ascoli Piceno Guide Turistiche per Acquaviva Picena Acquasanta Grottammare Offida Ripatransone San Benedetto del Tronto

                                                                               

Dal 28 Aprile al 1° Maggio 2011 torna ad Ascoli Piceno “Fritto Misto, la manifestazione ascolana dedicata al fritto di qualità, con tanti appuntamenti per i golosi all’insegna della grande cucina e della tipicità.
Si potranno degustare piatti tradizionali delle diverse regioni italiane: dalle olive all’ascolana ed altre specialità marchigiane, allo gnocco fritto emiliano, i panzerotti pugliesi fino ai golosi cannoli siciliani, i carciofi fritti alla Giudia della tradizione giudaico-romana, i Krapfen dell’Alto Adige e i Friscieu, gustosissime frittelle di erbe liguri.
Accompagneranno  le specialità fritte  i migliori vini della regione, dall’Offida Doc al Rosso Piceno,  Pecorino,  Passerina,  Verdicchio,  Rosso Conero,  Lacrima di Morro d’Alba.
Avete  mai  mangiato in Ascoli il fritto misto all’ascolana?
L’Oliva Tenera Ascolana, denominata anche Liva Concia, Oliva di S. Francesco o semplicemente Ascolana, è la regina tra le olive verdi da mensa  ed é un patrimonio del nostra agricoltura.
Essa  ha una forma leggermente allungata , il colore è uniforme dal verde al giallo paglierino ed ha la caratteristica di essere molto polposa con un nocciolo piccolo.
La zona di coltivazione delle olive destinate alla produzione di “Oliva Tenera Ascolana del Piceno” D.O.P. copre 60 Comuni delle province di Ascoli Piceno/Fermo  e 26 della provincia di Teramo.
Intorno al 1800  i cuochi delle famiglie nobili ascolane cominciarono a farcire le olive provenienti dai poderi padronali.  Era un piatto costoso e di  lunga preparazione, quindi le olive ascolane venivano preparate in occasioni particolari e riservate ad ospiti importanti.
Avete  mai  mangiato in Ascoli il fritto misto all’ascolana?
Allora sicuramente insieme alle olive all’ascolana, la crema fritta e le cotolette d’agnello,  avrete sicuramente mangiato le zucchine fritte e i carciofi fritti.
Oggi vogliamo darvi un piccolo consiglio su come prepararlo:
Crema Fritta: pietanza che si serve affiancata alle olive, alle cotolette d’agnello, ai carciofi e alle zucchine fritte nei giorni di festa. Il cremino si ottiene da una crema (stessa ricetta di quella per dolci con dosi di farina e zucchero invertite), lasciata raffreddare e solidificare, tagliata, impanata e fritta. Pensando alla crema fritta ci viene in mente un dolce, invece questa ricetta della nostra tradizione regionale è ideale per smorzare il retrogusto amarognolo dell’oliva.
Zucchine fritte:  tagliarle a listarelle poi mettetele sotto sale in uno scolapasta per far  perdere l’acqua. Dopo averle lasciate sotto sale per almeno 20 minuti, spolverarle con la farina, poi versarle poche alla volta in una pentola con olio bollente per la frittura.
Carciofi fritti: si preparano come le zucchine solo con la farina senza fare l’impanatura o pastelle.
Pulite i carciofi, eliminando le foglie esterne,  poi tagliateli a spicchi e metteteli in un recipiente con succo di limone per non farli scurire.
Una volta terminata la pulizia scolateli e passateli nella farina  successivamente friggeteli in una pentola con olio bollente per circa 2/3 minuti, quindi salare a piacere.
Ed ora buon appetito a tutti!


Nessun commento: