Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 31 marzo 2011

Il Cavallo di Fuoco - Ripatransone (AP) (data: Domenica in Albis)



A Ripatransone, la domenica in Albis, Ottava di Pasqua, si  svolge  una tra le manifestazioni folkloristiche  piú antiche e singolari d'Italia: il Cavallo di Fuoco. La manifestazione celebra l’incoronazione della Madonna di San Giovanni a Patrona della Città e Diocesi che avvenne il 10 maggio del 1682.
Un abile fuochista, chiamato in occasione dell’incoronazione  della Madonna di San Giovanni, dopo aver concluso il lavoro, improvvisò uno spettacolo in sella al suo cavallo, utilizzando i fuochi che gli rimanevano. Ciò che accadde entusiasmò a tal punto i ripani  che l’anno successivo rievocarono il fatto. E così nacque una lunga tradizione destinata a non scomparire mai più: oggi si utilizza un modello di Cavallo in legno che genera fuochi veramente  spettacolari richiamando numerosi spettatori.



Guide Turistiche Marche - Guide Turistiche abilitate Ascoli Piceno e provincia
Guide Turistiche Ascoli Piceno 

visite guidata ad Acquaviva Picena Acquasanta Grottammare Offida Ripatransone San Benedetto del Tronto


domenica 27 marzo 2011

MOSTRA VITTORE CRIVELLI - Sarnano (MC)



MOSTRA VITTORE CRIVELLI - Sarnano (MC)
VITTORE CRIVELLI da Venezia alle Marche
Maestri del Rinascimento nell’Appennino

Sarnano
, Palazzo del Popolo 21 maggio - 6 novembre 2011
                                         
A Sarnano (MC), autentico gioiello architettonico e paesaggistico nelle Marche, il 21 maggio  si inaugura la grande mostra "VITTORE CRIVELLI da Venezia alle Marche - Maestri del Rinascimento nell’Appennino", curata da Francesca Coltrinari dell'Università di Macerata e Alessandro Delpriori dell'Università di Firenze. Nel comitato scientifico tra gli altri Vittoria Garibaldi, Soprintendente per i Beni Storici e Artistici delle Marche.
La mostra  riunisce più di 40 opere.


Si tratta della prima esposizione mai dedicata a Vittore Crivelli (1430-1502), protagonista insieme al fratello Carlo della pittura delle Marche centrali negli ultimi vent'anni del Quattrocento.
Oltre ai capolavori del maestro veneto in mostra anche opere di altri artisti attivi nei centri dell'entroterra delle Marche nella seconda metà XV secolo: si tratta di circa 20 fra pittori e scultori, tra cui Carlo Crivelli, Francesco di Gentile da Fabriano, Niccolò Liberatore detto l'Alunno, Pietro Alemanno. 
Fra i prestiti, il Sant’Antonio di Vittore Crivelli, proveniente da una collezione privata tedesca, e la scultura della Madonna adorante il Bambino del Museo del Bargello di Firenze.



Orari di ingresso

Lunedì mattino non festivi chiuso
21 maggio – 03 luglio 2011
Dalle 10:00 alle 12:30 (chiusura biglietteria)
Dalle 15:00 alle 18:30 (chiusura biglietteria)

                                                  
19 settembre – 6 novembre 2011
Dalle 10:
00 alle 12:30 (chiusura biglietteria)
Dalle 15:00 alle 18:30 (chiusura biglietteria)


04 luglio – 18 settembre 2011
Dalle 10:00 alle 12:30 (chiusura biglietteria)
Dalle 15:30 alle 19:00 (chiusura biglietteria)
Dalle 21:30 alle 23:00 (chiusura biglietteria, solo nel periodo 24 luglio – 28 agosto)

Il biglietto  d'ingresso riguarda la Mostra, la Pinacoteca, i vari musei e la Chiesa di Santa Maria. (La  visita guidata è esclusa)
Biglietto di ingresso intero: € 9,00
Biglietto ridotto: € 6,00  (over 65, forze dell’ordine, giornalisti, insegnanti con tesserino, associazioni convenzionate, giovani da 14 a 18 anni, studenti universitari, invalidi civili, residenti)
Biglietto ridotto speciale: € 5,00
gruppi organizzati non inferiori a 15 pax, Istituti Scolastici superiori.
Biglietto ridotto scuole: € 3,00
scuole primarie di 1°e 2° livello + minori da 6 a 13 anni.
                                           
Guide Turistiche Marche Guide Turistiche Macerata     
     http://www.macerataguideturistichemarche.com/      

sabato 26 marzo 2011

Lo scacciamarzo

Lo scacciamarzo
Monsano  (Ancona ) - centro storico  -  27 marzo 2011

Evento folcloristico
L’obiettivo principale di questa festa popolare è conservare il patrimonio orale: il canto più antico nella regione è la “Questua” infantile di cui la provincia di Ancona ha perduto quasi il ricordo.


info Guide Turistiche Ancona

venerdì 25 marzo 2011

Guida Turistica Conero

 

 

 Guida turistico Conero - Visita guidata  Riviera del Conero

Il Monte Conero è sicuramente una delle attrazioni  più belle delle Marche e una delle località  turistiche più conosciute e visitate della regione Marche. Si trova in provincia di Ancona ed è anche conosciuto come il Monte di Ancona. Unica emergenza (572 metri) a picco sul mare da Trieste al Gargano, in simbiosi con le città di Ancona e Camerano, e con i centri turistici balneari di Sirolo e di Numana, il monte Conero è il cuore dell 'omonimo Parco Regionale. Istituito nel 1987 è un'oasi ambientalista che si estende per 5800 ettari di area protetta, con luoghi di grande suggestione: la baia di Portonovo, la spiaggia delle "due sorelle", il belvedere nord, Pian Grande, pian dei Raggetti... 18 percorsi escursionistici che si snodano tra corbezzoli, ginestre, lecci, pini, nella magia della macchia mediterranea. Numerose specie di uccelli presenti, alcuni dei quali rari, assieme ad una ricca presenza faunistica. Le tantissime piante che costituiscono la macchia mediterranea sono qui protette e rappresentano un terzo dell'intero patrimonio floristico delle Marche. Numerose le testimonianze d'arte: la chiesa di Santa Maria di Portonovo , la chiesa di San Pietro al Monte, l'Antiquarium sulla civiltà picena a Numana e specifici itinerari geologici di singolare interesse, come la cava di Massignano.
Il gruppo Guide Turistiche Marche vi propone visite guidate , escursioni  e itinerari nell’area  del Monte Conero e della Riviera del Conero .

Come arrivare
In auto: autostrade: A14 Bologna Bari uscite Ancona Nord  - Ancona Sud - Loreto-Recanati
In treno:  stazione di Ancona . Linee Milano – Lecce, Roma-Ancona, Ancona
Altri mezzi pubblici: autobus Stazione di Ancona - Sirolo (Autolinea Reni)

Traghetti: porto di Ancona

Aeroporti: aeroporto Raffaello Sanzio di Ancona-Falconara

Baia di Portonovo
La prima località che si incontra, lasciata Ancona, è la baia Portonovo. Piccolo paesino, un tempo abitato solo da pescatori, si trova alle pendici del Conero, circondato dalla macchia mediterranea e da un mare dalla particolare colorazione verde. Portonovo è circondata da spiagge incontaminate come quelle del Trave, di Mezzavalle e della Vela.
La guida turistica di Portonovo vi propone una visita guidata alla chiesa di Santa Maria di Portonovo, un capolavoro romanico eretto dai monaci camaldolesi che un tempo abitavano la zona e una visita guidata al Fortino Napoleonico, baluardo militare ora adibito ad albergo.
Sirolo
Sirolo è un piccolo borgo medievale ; è a sud del Monte Conero e confina con il Mare Adriatico. Gran parte del territorio rientra nel Parco Regionale del Monte Conero, uno dei più belli d’Italia. Sirolo è bandiera blu dal 1994. E’ caratterizzato da una serie di  vicoli caratteristici e da una piazza grande da cui si gode un panorama mozzafiato sul mare.  
La guida turistica di Sirolo vi propone una visita guidata ai seguenti siti e luoghi d’interesse: Badia romanica S. Pietro dell’XI secolo, Chiesa di S. Nicolò del secolo XVIII, Chiesa del Rosario del secolo XVIII, Ville nobiliari, Teatro Cortesi del secolo XIX, Teatro alle Cave. Poco distante dal centro un posto da visitare è la necropoli Picena più estesa delle Marche.
Le Spiagge di Sirolo
Le spiagge di Sirolo sono sicuramente tra le più belle delle Marche e di tutta la penisola. La Spiaggia Urbani comprende le Baie I Lavi, I Libri e I Lavori. Ha una grande grotta vicino all’arenile e rocce digradanti sul mare; la Spiaggia delle Due Sorelle,  fra le più belle d’Europa, è così chiamata per i due grandi faraglioni posti sul nel mare ed è raggiungibile via mare; la Spiaggia di San Michele – Sassi Neri è l’unica spiaggia con la sabbia di Sirolo, circondata dalla falesia verde del Monte Conero.
Diversi sport si possono praticare a Sirolo: il campo di golf di Sirolo è l’unico campo di golf a 18 buche del centro Italia. Sul Monte Conero è possibile fare trekking ed escursioni con la mountain bike. Il mare limpido e dal fondale ricco e roccioso è l’ideale per immersioni subacquee e snorkeling.
Ricettività
Sirolo offre una vasta scelta di strutture ricettive:  hotel, country house, agriturismi, campeggi, B&B e affittacamere.

Numana
Numana, bandiera blu d’Europa, è una piccola cittadina costiera dell' Adriatico, alle pendici meridionali del Monte Conero. Il territorio di Numana è compreso quasi completamente all'interno del Parco regionale del Monte Conero. Il centro storico si trova sulla parte chiamata Numana alta, in quanto è alla sommità di una falsia  a picco sul mare, mentre Numana bassa include la sottostante zona del porto turistico. La spiaggia di Numana alta comprende due baie formatesi a ridosso della falesia: la Spiaggiola e la Spiaggia dei frati, mentre la spiaggia di Numana bassa si estende a sud del porto fino alla frazione di Marcelli.
La guida turistica di Numana vi propone una visita guidata ai seguenti siti e luoghi d’interesse: Antiquarium statale, esposti i corredi delle tombe picene e romane,  il Santuario del Crocifisso, il Palazzo dei Vescovi,  l’ Arco di torre e l’acquedotto.
Camerano
Camerano è un comune della provincia di Ancona , che rientra nel parco regionale del Monte Conero. L'area del sottosuolo di Camerano è interessata da una fitta serie di gallerie, cave e cunicoli scavati nell'arenaria e spesso con pareti e soffitti decorati con fregi e simboli religiosi.
 La guida turistica di Camerano vi propone una visita guidata ai seguenti siti e luoghi d’interesse: le grotte di Camerano, palazzo Manciforte, con lo splendido parco, chiesa di San Francesco.

Informazioni e Prenotazioni:      Guide Turistiche Marche
 andrea@guideturistichemarche.it
tel + 39 339 2964619

Guida Turistica Conero, Guida Turistica Monte Conero, Guida Turistica Riviera del Conero, Guida Turistica Parco del Conero, Guida Turistica Portonovo, Guida turistica Sirolo, Guida turistica Numana , Guida turistica Camerano






giovedì 24 marzo 2011

Mercatino Antiquario di Ascoli Piceno

Mercatino Antiquario di Ascoli Piceno - Terza domenica del mese - Una delle rassegne più meritevoli del panorama dei mercati marchigiani, divenuto negli anni un punto di riferimento per migliaia di appassionati dell’arte antica che desiderano passare un “momento” di qualità.
Qualità che si potranno apprezzare nei due giorni del fine settimana dalle 10.00 alle 20.00 nel suggestivo centro storico di Ascoli Piceno, e soprattutto nelle affascinanti Piazze del Popolo e Piazza Arringo, con la significativa presenza di espositori di ottimo livello.
Queste, assieme al costante lavoro di promozione a livello interregionale, sono i punti di forza che ci fanno comprendere come questo evento cresca e si rafforzi ad ogni edizione.
Migliaia le proposte, appartenenti ai settori merceologici dell’antiquariato che riscuotono maggiore interesse fra il pubblico più attento ed esigente; si possono trovare dai mobili agli argenti, dai gioielli ai dipinti, dai disegni alle stampe, dalle sculture agli oggetti d’arte, tutto di epoche comprese fra il ‘700 e il ‘900; ma anche tappeti, tessuti e pizzi, ceramiche e manufatti d’artigianato...

Mercatino antiquario di Ascoli

posted by Guide Turistiche Ascoli Piceno - Guide Turistiche Marche

Riapertura della Cattedrale di Recanati

PROGRAMMA PER LA RIAPERTURA DELLA RESTAURATA BASILICA CONCATTEDRALE DI RECANATI

PRIMA DELL’APERTURA

Martedì 5 aprile ore 21.00 Villa Colloredo Mels (adiacente la Cattedrale) : Conferenza sulla Cattedrale di Recanati. Prof. Gabriele Barucca, Soprintendenza BSAE Marche (Urbino) e il Prof. Arnold Nesselrath, Musei Vaticani
Giovedì 7 aprile 21.00 Villa Colloredo Mels : Conferenza su valore teologico e culturale della Cattedrale. Mons. Timothy Verdon, direttore dell'Ufficio Arte Sacra e Beni Culturali dell'Arcidiocesi di Firenze.

Sabato 9 aprile 16.00 Mercatini di oggettistica in zona Duomo

APERTURA

Domenica 10 aprile 17.30 Inizio Processione dalla chiesa di San Domenico
( piazza Leopardi ) 18.00 Solenne Concelebrazione nella Concattedrale di San Flaviano presieduta da  Mons. Claudio Giuliodori, Vescovo Diocesano
20.00 Fuochi d’artificio
; 18.00 Apertura Mostra sulla Cattedrale e del Museo di Recanati; 19.00 Animazione con menestrelli giocolieri e artisti di strada a cura dell'Ass. Pro Loco di Offanga; 22.00 Spettacolo in Piazza Leopardi a cura della Compagnia sbandieratori "l'Araba Fenice" di Corinaldo (AN); 23.00 Fuochi di artificio.